No al razzismo

Argomenti trattato : Razzismo

Credits

Agenzia di pubblicitàFeel Good
Casa di ProduzioneGamma Film
Agenzia di relazioni pubblicheSECI
EntePubblicità Progresso
Italia - 1990

Nella primavera del ’90 la prima fase della campagna esce con un’immagine forte, che scuote l’opinione pubblica: un uomo nero crocifisso. Parole dure definiscono il razzista come un essere inferiore. I primi test realizzati per saggiare le reazioni dei telespettatori rivelano perplessità e sgomento di fronte alle scene più crude.

Cambiate alcune immagini e colonna sonora, il test ha dato risultati rassicuranti: lo spot è un urlo legittimo ed efficace della coscienza civile e le immagini crude hanno il merito di coinvolgere tutti in profondità e di richiamare l'attenzione sulla semplice verità etica. Castellano assicura di non temere le polemiche.

La seconda fase della campagna, nell’estate del ’90, basa la forza del messaggio su un’amara ironia: vignette di Chiappori e Altan riportano discorsi di ordinaria quotidianità, che diventano quadri di spietato razzismo. Nel testo si ricorda che un’uguale capacità di pensiero è ciò che accomuna tutti gli uomini di qualsiasi colore e razza.

Nella terza fase, all’inizio del ’91, il messaggio si addolcisce con parole di speranza e con immagini di bambini che rappresentano il futuro a cui guardare per imparare: “prepariamoci a vivere in una società multirazziale. Senza pregiudizi, con naturalezza. Ce lo chiede la storia, che ci piaccia o no. Ai bambini di certo l’idea non disturba, ce lo dimostrano tutti i giorni...”.