Il piacere di fare un buon gesto

Il piacere di fare un buon gesto, passata alla storia per il suo claim: "Far bene ti fa bene".

Argomenti trattati : Volontariato Educazione civica

Credits

Agenzia di pubblicitàLandò Nardi
Casa di ProduzioneAlto Verbano
Centro MediaCIA MEDIANETWORK
Agenzia di relazioni pubblicheSEC
Istituto di ricercheDELFO
EntePUBBLICITA' PROGRESSO
Italia - 1997

Il concept della campagna punta sull'umana esitazione che si può verificare in una persona di fronte alla richiesta di un gesto buono. L'automobilista, la donna capricciosa, il ragazzo che deve andare alla festa: tutti possono esitare prima di decidersi alla buona azione. E la campagna riprende proprio questi momenti.

La scelta di Teo Teocoli, per il film, è stata voluta per valorizzare le grandi capacità di un attore comico in un ruolo serio. Lo stravolgimento di ruolo può avere un positivo "effetto sorpresa" sul vasto pubblico e quindi richiamare un'attenzione maggiore sul problema.

Se la TV e la radio giocano su un tono realistico-serio, la stampa sposta lo stesso impianto narrativo su un tono ironico, più giovane, proprio perché nella stampa, la narrazione di un gesto buono corre più rischi "predicatori".