Spot & Social: Ottobre e il cancro al seno: come è nato e cosa è diventato il mese della prevenzione

Pubblicazione: 17 ottobre 2018 11:00
Argomento: Spot & Social
breastcancer-ads11_20150203180651 (1)

Se a certi temi si presta attenzione tutto l’anno, vero è che in certi periodi lo si fa più del solito. Come novembre è diventato Movember, per sensibilizzare sul cancro alla prostata, così ottobre è da ormai diversi decenni dedicato alla prevenzione di quello al seno. Di anno in anno la mobilitazione mondiale sul tema è aumentata, trasformando quella era nata come una campagna dal basso in un appuntamento per associazioni e aziende, che in un’ottica di CSR, ma anche di marketing, hanno moltiplicato le iniziative relative.

IL NASTRO ROSA

La nascita del fiocco rosa, internazionalmente riconosciuto come il simbolo della campagna, viene fatta risalire all’impegno di una donna americana, Charlotte Haley, che nel 1991 iniziò a realizzarli per richiamare l’attenzione del Governo sul tema della prevenzione e della sensibilizzazione. Una call to action spontanea che prese piede in fretta. Sulle cartoline che accompagnavano i fiocchi si leggeva: “Il National Cancer Institute ha un budget annuale di quasi due miliardi di dollari, ma solo il 5% va nella prevenzione. Aiutateci a cambiare le cose indossando questo fiocco”. Da quell’inizio ‘casalingo’, si è poi arrivati alla grande macchina della comunicazione che conosciamo oggi: in Italia, per esempio, il fiocco è stato adottato da Airc, che da 50 anni è il principale polo privato di finanziamento della ricerca oncologica italiana.




CAMPAGNE E INIZIATIVE SOCIAL

Per quanto riguarda le aziende, invece, negli anni si sono moltiplicate le iniziative di CSR e anche i modi per comunicarle. Con l’arrivo dei social, moltissime sono le campagne online di condivisione che vengono lanciate durante il mese di ottobre. Di solito si invitano le clienti a realizzare selfie e raccontare le proprie storie raccogliendole sotto hashtag dedicati. È quello che hanno fatto, per esempio, Avon e Estee Lauder.



Sempre Estee Lauder è fra i soggetti più impegnati, con la sua annuale Breast Cancer Campaign, ormai uno dei punti di forza nella filosofia del brand. L’elemento su cui più puntano questo tipo di campagne è quello del racconto e della condivisione delle esperienze personali. La campagna del 2014, We’re stronger together, era costruita proprio sulle testimonianze di donne sopravvissute al cancro e dei loro cari.


Una campagna di sensibilizzazione che non riguarda solo il mondo ‘al femminile’ ma che ha coinvolto negli anni anche settori e brand che si collegano a tutt’altro immaginario, come dimostrano questi annunci stampa di Mercedes Benz e Volkswagen.